Dediche x compagni di scrittura

“Fortuna è costeggiare  orti e giardini – estesi labirinti – colori distinti di distinte stagioni”

————————————————————————————————————–

Stefania – nel suo prato-giardino si nasconde tra gli occhietti della madonna e le stelline del biancospino, ne raccoglie il profumo per rallegrare la cima del suo albero più alto.

Maria Angela – vapori di tisane olezzanti e misteriose, mix di cuore colorato d’alfabeto.

Cinzia – tocca a uno a uno i chicchi di grano nella spiga, conserva per il freddo il fruscio dell’oro e scrive.

Carmen – sicura gioia la “quiete dopo la tempesta”, cerca aiuole certificate, panieri da colmare e regalare.

Lisetta – Fa bene ogni tanto fare cose un po’ giocose, mandaci il perimetro del tuo giardino.

Grazia – carducciana e costante sbroglia sotto l’albero malinconie antiche, ma lei sorprende spazio e tempo perchè lei è quercia.

Giuseppina – ammira piccoli rari fiori protetti su pareti scoscese, in basso un orto conserva per l’alba colori saputi, sapori scontati.

Benedetta – astrologie accattivanti oltre  soffitti viola, irrora con la tenacia del glicine tutte le sfumature dell’arcobaleno.

Antonella – fiori e frutti colorati come parole e pronti da presentare, ecco… domani lo dirà al guardiano dell’orto

Mara – “se potessi avere mille…. ” cose da fare al giorno le farebbe tutte, tra l’una e l’altra però la sorprendono i profumi di erbe e di anime.

Maria – un giardino con dentro il mare, nulla può essere verde nulla può essere azzurro, compiacente sorride la chioma del mandorlo.

Pierpaolo- fertile come l’infanzia scandaglia l’orto in cerca di semi da custodire e cullare.

 Rita – ci divertiamo, se puoi c’è sempre tra noi un tuo mazzolino ben conservato.

Ornella – guscio protetto come un cocco ma quando un colpetto la percuote, si arrende e regala nutriente succo.

Silvana  – stende al sole frutti e fiori per trasformarli in cammei, gocce di realtà a piccole dosi.

 

Angela  – un recinto protegge l’orto ben custodito e sulla rete si arrampicano convolvoli e capelvenere. Il cancello è solo accostato si può entrare.

Flavia – sospesa sulla cima ondeggiante degli steli, s’aggrappa al vento per non cadere ma prima o poi spremerà il prato e irrorerà pagine e pagine di succhi verdi.

Simona – ecco, per tutto quel che sai, per tutto quel che fai, so che questo o quel mercoledì tornerai.

Cristina – basta strappare una manciata d’erba per dare respiro ai semi, basta un gesto e tu lo fai.

Alessandro – su carri astrali o bighe vittoriose attraversa mondi paralleli, avvolto in vocabolari sconvolge ritmi e stagioni.

 

Informazioni su murachellibenedetta

Sono nata a Cemmo, piccolo borgo della Valcamonica , ricco di pietre ricamate che solo in leggende poetiche possono tramandare l'irripetibile abituale quotidianità di lontane vicende, sguardi verticali, storie minuscole. Vivo a Peschiera Borromeo, cittadina conglobata nella metropoli milanese. Scrivo perché parole stregate stringono buffe alleanze con mani disubbidienti.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...